Che cos’è Jovibarba: impara come prendersi cura delle piante di Jovibarba

Jovibarba strettamente imparentata con galline e pulcini, ma per tutte le sue somiglianze nell'aspetto, la pianta è una specie separata. È, tuttavia, nella stessa famiglia, condividendo identiche preferenze del sito e un aspetto quasi indistinguibile. Scopri di più su questa pianta qui.

Che cos'è Jovibarba: impara come prendersi cura delle piante di Jovibarba

Le piccole succulente dolci e originali nel giardino aggiungono fascino e facilità di cura, sia coltivate in terra che in contenitori. Jovibarba è un membro di questo gruppo di piante e produce rosette compatte di foglie carnose. Che cos’è Jovibarba? Puoi pensare a queste minuscole piante come un’altra forma di galline e pulcini, ma per tutte le sue somiglianze nell’aspetto, la pianta è una specie separata. Tuttavia, appartiene alla stessa famiglia, condividendo identiche preferenze del sito e un aspetto quasi indistinguibile.

Differenza tra Sempervivum e Jovibarba

Alcune delle piante più facili e adattabili disponibili sono le piante grasse. Molti di questi sono persino esemplari resistenti che possono vivere nella zona 3. Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti 3.

Le galline e i pulcini Jovibarba non sono Sempervivum, un genere che include galline e pulcini e diverse altre specie succulente. Sono stati definiti come un genere separato e mentre hanno un aspetto simile e condividono un nome comune, si riproducono in modo molto diverso e producono fiori distintivi. Proprio come Sempervivum, la cura di Jovibarba è semplice, diretta e facile.

Le differenze tra queste due piante vanno oltre la semplice classificazione scientifica e del DNA. Nella maggior parte dei siti, la coltivazione di piante Jovibarba invece di Sempervivum è un’opzione intercambiabile. Entrambi hanno bisogno di luoghi soleggiati e asciutti e producono rosette singolari con foglie arrossate. Qui è dove si fermano le somiglianze.

I fiori di Sempervivum sono a forma di stella nei toni del rosa, bianco o giallo. Galline e pulcini Jovibarba sviluppano fioriture a campana in tonalità gialle. Sempervivum produce cuccioli su stoloni. Jovibarba può riprodursi con cuccioli su stoloni o tra le foglie. Gli steli, che attaccano i cuccioli alla pianta madre (o gallina), sono fragili e asciutti con l’età. I cuccioli si staccano quindi facilmente dal genitore, vengono spazzati via o allontanati e si radicano in un nuovo sito. Questo dà alle specie Jovibarba il nome “ rulli ” a causa della capacità dei cuccioli (o delle galline) di rotolare via dalla gallina.

La maggior parte delle specie di Jovibarba sono specie alpine. Jovibarba hirta è una delle più grandi specie con diverse sottospecie. Ha una grande rosetta con foglie bordeaux e verdi e produce molti cuccioli incastonati nella rosetta. Tutte le piante di Jovibarba impiegheranno dai 2 ai 3 anni dalla maturità prima della fioritura. La rosetta madre muore dopo la fioritura, ma non prima che siano stati prodotti numerosi cuccioli.

Che cos'è Jovibarba: impara come prendersi cura delle piante di Jovibarba

Piante Jovibarba in crescita

Pianta queste piante grasse in giardini rocciosi, giardini a più livelli e contenitori ben drenanti. Gli elementi più importanti quando si impara a prendersi cura di Jovibarba e dei suoi parenti sono un buon drenaggio e protezione dai venti secchi. La maggior parte delle specie prospera anche quando la neve è comune e può resistere a temperature di -10 gradi Fahrenheit (-23 C.) o più con qualche riparo.

Il miglior terreno per Jovibarba è una miscela di compost con vermiculite o sabbia aggiunta per un maggiore drenaggio. Possono persino crescere in piccola ghiaia. Queste piccole piante carine prosperano in terreni poveri e una volta stabilite sono resistenti alla siccità per brevi periodi di tempo. Tuttavia, per la migliore crescita, in estate dovrebbe essere somministrata più volte al mese acqua supplementare.

Per la maggior parte, non hanno bisogno di fertilizzanti ma possono beneficiare di un piccolo pasto osseo in primavera. La cura di Jovibarba è minima e in realtà prosperano con una benevola abbandono.

Una volta che le rosette sono fiorite e sono tornate indietro, estraile dal gruppo di piante e installa un cucciolo nel luogo o riempilo con la miscela di terreno. Il gambo del fiore è generalmente ancora attaccato alla rosetta morta o morente e semplicemente tirando ciò rimuoverà la rosetta.

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

cache:yes / mysql:0 / gen:0 / memory:0.39 MB