Che cosa sono i pesticidi dei neonicotinoidi e come funzionano i neonicotinoidi

Che cosa sono i pesticidi dei neonicotinoidi e come funzionano i neonicotinoidi

Tutti abbiamo sentito qualcosa sull’uccello e sulle api, ma hai sentito parlare di neonicotinoidi e api? Beh, tieni duro sul cappello perché questa importante informazione potrebbe significare la vita e la morte dei nostri preziosi impollinatori nel giardino. Continua a leggere per saperne di più sui neonicotinoidi che uccidono le api e cosa possiamo fare al riguardo.

Cosa sono i neonicotinoidi?

Quindi la prima domanda che deve essere chiarita, ovviamente, è “cosa sono i neonicotinoidi?” Se non hai sentito questo termine, probabilmente è dovuto al fatto che è una classe relativamente nuova di insetticidi sintetici. I pesticidi neonicotinoidi (detti anche neonici) sono simili alla nicotina, che si trova naturalmente nelle piante di belladonna come il tabacco e presumibilmente meno dannosi per gli esseri umani, ma è velenoso per le api e molti altri insetti e animali.

Questi tipi di insetticidi influenzano il sistema nervoso centrale degli insetti, causando paralisi e morte. Tra questi:

  • Imidacloprid – considerato il neonicotinoide più popolare, lo troverete elencato sotto i nomi commerciali Merit®, Admire®, Bonide, Ortho Max e alcuni di i prodotti Bayer Advanced. Mentre è elencato come moderatamente tossico, è stato trovato altamente tossico per le api e altri insetti utili.
  • Acetamiprid – anche con la sua bassa tossicità acuta, questo ha mostrato effetti a livello della popolazione sulle api da miele.
  • Clothianidin – questo è un neurotossico ed è altamente tossico per le api e altri insetti non bersaglio.
  • Dinotefuran – comunemente usato come un ampio spettro di insetti che infestano cotone e colture orticole.
  • Thiacloprid – anche se mirati a controllare gli insetti succhiatori e mordenti, le basse dosi sono altamente tossiche per le api e causano anche problemi fisiologici nei pesci se usati in ambienti acquatici.
  • Thiamethoxam – questo insetticida sistemico viene assorbito e trasportato a tutte le parti della pianta e, sebbene considerato moderatamente tossico, è dannoso per le api, gli organismi acquatici e del suolo.

Gli studi hanno dimostrato che i residui di pesticidi neonicotinoidi possono accumularsi nel polline delle piante trattate, ponendo un vero pericolo agli impollinatori anche dopo l’uso delle fermate di antiparassitari sulla pianta.

Come funzionano i neonicotinoidi?

L’EPA classifica i neonicotinoidi come agenti di classe II di tossicità e agenti di classe III. Sono generalmente etichettati con un “Avvertimento” o “Attenzione. “Poiché i pesticidi neonicotinoidi bloccano specifici neuroni negli insetti, sono considerati meno dannosi per gli animali a sangue caldo ma sono altamente tossici per i parassiti e anche per le specie benefiche come le api.

Molti vivai commerciali trattano piante con pesticidi neonicotinoidi. I residui chimici lasciati da questi trattamenti rimangono nel nettare e nel polline che viene raccolto dalle api, che è fatale. Sfortunatamente, la ricerca suggerisce che anche se si trattano queste piante utilizzando approcci organici una volta acquistati, il danno è già stato fatto, poiché il residuo è ancora presente. Pertanto, i neonicotinoidi che uccidono le api sono inevitabili.

Naturalmente, un insetticida non deve uccidere per avere un effetto. La ricerca ha indicato che l’esposizione ai neonicotinoidi può interferire con la riproduzione delle api e la loro capacità di navigare e volare.

Neonicotinoidi alternativi

Detto questo, quando si tratta di neonicotinoidi e api (o altri beneficati), ci sono opzioni.

Uno dei modi migliori per mantenere i prodotti nocivi fuori dal giardino è comprare solo piante coltivate biologicamente. Dovresti anche acquistare semi biologici o avviare piante, alberi, ecc. da talee che non sono state esposte a sostanze chimiche e quindi continuano ad utilizzare approcci organici per tutta la loro durata.

A volte diventa necessario l’uso di pesticidi. Quindi, quando si usano insetticidi, il buon senso va molto lontano. Leggere sempre e seguire attentamente le istruzioni riportate sull’etichetta e in modo appropriato. Inoltre, potresti voler prestare attenzione al tasso LD50 prima di acquistare. Questa è la quantità di sostanza chimica necessaria per uccidere il 50% di una popolazione di test. Più piccolo è il numero, più tossico è. Ad esempio, secondo una risorsa nel caso di un’ape, la quantità di imidacloprid che deve essere ingerita per uccidere il 50% dei soggetti del test è 0. 0037 microgrammi rispetto al carbaryl (Sevin), che richiede 0. 14 microgrammi – significa che l’imidacloprid è molto più tossico per le api.

Questo è qualcosa da tenere a mente prima di usare qualsiasi insetticida, compresi i neonicotinoidi. Pesare attentamente le opzioni e, se si è determinato che un insetticida è ancora necessario, considerare prima le opzioni meno tossiche, come il sapone insetticida o l’olio di neem.

Inoltre, prendere in considerazione se le piante che necessitano di trattamento sono fiorenti e attraenti per le api. Se la pianta è in fiore, considera di aspettare di trattare una volta che è finita ed è meno attraente per le api e altri insetti impollinatori.

. Che cosa sono i pesticidi dei neonicotinoidi e come funzionano i neonicotinoidi

Video: Api da salvare

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: