Coltivazione di taro commestibile in giardino – Suggerimenti sulla raccolta di radici di taro

Un'altra opzione più salutare per la patatina standard sarebbe quella di coltivare e raccogliere le proprie radici di taro e poi trasformarle in patatine. Vuoi scoprire come coltivare e raccogliere il taro nel tuo giardino? Questo articolo ti aiuterà a iniziare.

Coltivazione di taro commestibile in giardino - Suggerimenti sulla raccolta di radici di taro

Di recente, le patatine fatte di patate dolci, yucca e pastinaca sono state di gran moda – presumibilmente, come opzione più salutare per la patatina , che viene fritto e caricato con sale. Un’altra opzione più sana sarebbe quella di coltivare e raccogliere le proprie radici di taro e poi trasformarle in patatine. Continua a leggere per scoprire come coltivare e raccogliere il taro nel tuo giardino.

Coltivazione di taro commestibile nell’orto per alimenti

Taro, un membro della famiglia delle Araceae, è il nome comune sotto in cui risiede un gran numero di piante. All’interno della famiglia, ci sono molte cultivar di varietà di taro commestibili adatte al giardino. A volte indicato come “orecchie di elefante” a causa delle grandi foglie delle piante, il taro è anche chiamato “dasheen”.

Questa pianta perenne da tropicale a subtropicale è coltivata per il suo dolce tubero amidaceo. Il fogliame può anche essere mangiato ed è cucinato tanto quanto le altre verdure. È ricco di minerali e vitamine A, B e C. Nei Caraibi, i verdi sono notoriamente cotti in un piatto chiamato callaloo. Il tubero viene cotto e schiacciato in una pasta, chiamata poi, che era una graffetta hawaiana comune.

L’amido nei grandi tuberi o nei cormi di taro è molto digeribile, rendendo la farina di taro un’aggiunta eccellente per il bambino formule e alimenti per bambini. È una buona fonte di carboidrati e, in misura minore, di potassio e proteine.

La coltivazione del taro per alimenti è considerata una coltura di base per molti paesi, ma soprattutto in Asia. La specie più comune usata come fonte alimentare è la Colocasia esculenta.

Coltivazione di taro commestibile in giardino - Suggerimenti sulla raccolta di radici di taro

Come coltivare e raccogliere il taro

Come accennato, il taro è tropicale o subtropicale, ma se non vivi in un clima simile (zone USDA 10-11), puoi provare a far crescere il taro in una serra. Le grandi foglie crescono da 3-6 piedi di altezza, quindi avrà bisogno di un po ‘di spazio. Inoltre, è necessaria la pazienza, poiché il taro ha bisogno di 7 mesi di clima caldo per maturare.

Per avere un’idea di quante piante crescano, 10-15 piante a persona sono una buona media. La pianta è facilmente propagabile tramite tuberi, che possono essere ottenuti in alcuni vivai o dai negozi di alimentari, soprattutto se si ha accesso a un mercato asiatico. A seconda della specie, i tuberi possono essere lisci e rotondi o ruvidi e fibrati. Indipendentemente da ciò, basta posizionare il tubero in una zona del giardino con terreno ricco, umido e ben drenante con un pH tra 5,5 e 6,5.

Metti i tuberi nei solchi profondi 6 pollici e copri con 2-3 pollici di terreno, distanziati di 15-24 pollici in file distanti 40 pollici. Mantieni il taro costantemente umido; il taro viene spesso coltivato in risaie bagnate, come quella del riso. Nutri il taro con un fertilizzante organico ad alto contenuto di potassio, compost o tè di compost.

Per una fornitura continua di taro, un secondo raccolto può essere piantato tra le file circa 12 settimane prima che il primo raccolto venga raccolto.

Raccolta delle radici di taro

Entro la prima settimana, dovresti notare un piccolo gambo verde che spunta attraverso il terreno. Presto, la pianta diventerà un folto cespuglio che può crescere fino a 6 piedi, a seconda della specie. Man mano che la pianta cresce, continuerà a inviare germogli, foglie e tuberi che ti permetteranno di raccogliere continuamente parte della pianta senza danneggiarla. L’intero processo richiede circa 200 giorni dalla semina dei cormi alla raccolta.

Per raccogliere i cormi (tuberi), sollevali delicatamente dal terreno con una forchetta da giardino appena prima del primo gelo in autunno. Le foglie possono essere raccolte non appena si sono aperte le prime foglie. Finché non tagli tutte le foglie, ne cresceranno di nuove, dando una scorta continua di verdure.

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

cache:yes / mysql:0 / gen:0 / memory:0.67 MB