Come potare i salici giapponesi: consigli per potare un salice giapponese

Come la maggior parte dei salici, i salici giapponesi crescono estremamente velocemente. Tagliare i salici giapponesi è un lavoro che potresti dover fare più volte all'anno per tenere sotto controllo la forma e le dimensioni. Fai clic su questo articolo per imparare a potare i salici giapponesi.

Come potare i salici giapponesi: consigli per potare un salice giapponese

Negli ultimi anni i salici giapponesi, in particolare le varietà pezzate con variegatura da bianca a rosa, sono diventate piante da paesaggio estremamente popolari. Come la maggior parte dei salici, crescono anche molto velocemente. Come operaio e giardiniere del Garden Center, ho venduto e piantato centinaia di questi alberi. Tuttavia, con ogni singolo, ho avvertito il proprietario della casa che non rimarrà piccolo e ordinato a lungo. Tagliare i salici giapponesi è un lavoro che potresti dover fare più volte all’anno per tenere sotto controllo la forma e le dimensioni. Continua a leggere per imparare a potare i salici giapponesi.

Informazioni sulla potatura del salice giapponese

Troppo spesso i proprietari di casa si rendono conto che un piccolo salice carino con il fogliame rosa e bianco può rapidamente diventare un 8-10 mostro di piede (da 2,4 a 3 m.). Mentre crescono e invecchiano, possono anche perdere molti dei colori unici del fogliame che hanno attirato la tua attenzione su di loro in primo luogo. Fortunatamente, con potatura e potatura regolari, è possibile mantenere le dimensioni e la forma. La potatura dei salici giapponesi incoraggerà anche una nuova crescita colorata.

Una pianta molto indulgente, se necessario, puoi tagliare un salice giapponese all’altezza di circa 30 cm (12 pollici) per farlo ringiovanire e provare per gestire meglio le dimensioni e la forma future. Detto questo, non fatevi prendere dal panico o non stressatevi troppo sulla potatura di un salice giapponese. Se tagli accidentalmente un ramo sbagliato o lo tagli nel momento sbagliato, non lo danneggerai.

Anche così, ci sono alcune linee guida raccomandate per la potatura del salice giapponese.

Come potare i salici giapponesi: consigli per potare un salice giapponese

Come tagliare un salice giapponese

La potatura di rami vecchi, danneggiati, morti o che attraversano per aumentare la luce solare o il flusso d’aria viene generalmente eseguita alla fine dell’inverno quando il salice è inattivo e i gattini primaverili non si sono ancora formati. Taglia questi rami alla loro base. A questo punto, va bene rimuovere circa 1/3 dei rami con potatori o troncarami puliti e affilati.

L’estate è il momento ideale per tagliare i salici giapponesi per modellare, controllare le dimensioni e ringiovanire la loro variegatura quando la colorazione bianca e rosa dei salici chiazzati tende a sbiadire. Tuttavia, un po ‘di rifilatura da leggera a pesante farà sì che la pianta invii una nuova crescita colorata di rosa e bianco.

Di solito si consiglia di tagliare un salice giapponese di circa il 30-50% ma, come detto sopra, se le dimensioni e la forma sono davvero sfuggite di mano, puoi tagliare l’intera pianta a circa un piede di altezza.

Video: Come realizzare cordoli e aiuole

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: