Quando le erbe buone vanno male: cosa fare quando le erbe diventano invasive

Coltivare le proprie erbe è una gioia, ma cosa succede quando le erbe diventano invasive? Fare clic qui per ulteriori informazioni su cosa fare quando le erbe buone diventano cattive.

Quando le erbe buone vanno male: cosa fare quando le erbe diventano invasive

Coltivare le proprie erbe è una gioia per qualsiasi buongustaio, ma cosa succede quando le erbe buone vanno a male? Anche se suona come un gioco zoppo sul titolo di un programma televisivo, il controllo delle erbe invasive a volte è una realtà. Continua a leggere per sapere cosa fare quando le erbe diventano invasive.

Quali erbe diventano invasive?

Quali erbe diventano invasive? Le erbe che si diffondono attraverso i corridori, ventose o rizomi e persino le erbe che diventano così grandi da aver preso il sopravvento più della loro parte di spazio sono quelle a cui prestare attenzione. Poi ci sono anche le erbe che producono quantità prodigiose di semi.

Probabilmente la più nota delle erbe che si diffondono è la menta. Tutto nella famiglia della menta, dalla menta piperita alla menta verde, non solo sembra diffondersi ma ha un desiderio piuttosto diabolico di conquistare il mondo attraverso i corridori sotterranei.

Altre erbe che diventano invasive attraverso i corridori sotterranei includono l’origano, mentuccia, e anche il timo disinvolto può impazzire.

Le piante che fioriscono sono determinate a riprodursi e le erbe in fiore non fanno eccezione. Calendula, erba gatta, camomilla, erba cipollina, aneto, melissa e anche la valeriana generalmente difficile da germinare sono tutti esempi di buone erbe che possono andare a male, occupando lo spazio prezioso del giardino e spiazzando altre piante perenni.

Altre erbe che si diffondono sono:

  • Finocchio
  • Salvia
  • Coriandolo
  • Feverfew
  • Borage
  • Mullein
  • Consolida maggiore
  • Dragoncello

Quando le erbe buone vanno male: cosa fare quando le erbe diventano invasive

Come fermare la diffusione delle erbe

Il controllo delle erbe invasive dipende da come avvengono le invasioni. Per evitare che le erbe diventino eccessivamente grandi e invadano il giardino in questo modo, potale regolarmente.

Nel caso di erbe come la menta, che si diffondono a macchia d’olio attraverso i loro rizomi sotterranei, coltiva la pianta in un contenitore. Le erbe che si diffondono attraverso i corridori sotterranei dovrebbero essere piantate in un letto di semina rialzato.

Per le avide erbe in fiore, non trascurare i deadheading. Se decidi di diventare pigro e permetti ai semi di formarsi, è tutto finito. Alcune erbe, come la camomilla con le sue fioriture in miniatura simili a margherite, sono praticamente impossibili da ottenere nella loro interezza e la probabilità di vedere dozzine di piante in più l’anno successivo è alta, ma altre erbe in fiore possono essere controllate tagliando le fioriture mentre svaniscono.

Per ridurre al minimo la semina il più possibile, anche pacciamare abbondantemente o stendere una barriera contro le erbacce ogni anno. Detto questo, l’area sotto e direttamente intorno alle erbe può essere sicura dalla semina, ma tutto il resto, dalle crepe nel passaggio pedonale al prato, è un gioco leale.

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

cache:yes / mysql:0 / gen:0 / memory:0.67 MB