Tintura di piante indaco fai-da-te – Come si tinge con le piante di indaco

A differenza di altri colori che possono essere facilmente ottenuti, il blu è rimasto un colore difficile da ricreare - fino a quando non si è scoperto che la tintura poteva essere fatta da indaco piante. Fare tintura indaco, tuttavia, non è un compito facile. Quindi, come si fa a tingere una pianta indaco? Scopri di più qui.

Tintura di piante indaco fai-da-te - Come si tinge con le piante di indaco

I blue jeans che indossi oggi sono probabilmente colorati con una tintura sintetica, ma non è sempre stato così. A differenza di altri colori che possono essere facilmente ottenuti usando corteccia, bacche e simili, il blu è rimasto un colore difficile da ricreare – fino a quando non è stato scoperto che la tintura poteva essere ottenuta da piante di indaco. Fare tintura indaco, tuttavia, non è un compito facile. La tintura con indaco è un processo a più fasi, ad alta intensità di lavoro. Quindi, come si fa a tingere una pianta indaco? Per saperne di più.

Informazioni sulla tintura per piante indaco

Il processo di trasformazione delle foglie verdi in tintura blu brillante attraverso la fermentazione è stato tramandato per migliaia di anni. La maggior parte delle culture ha le proprie ricette e tecniche, spesso accompagnate da riti spirituali, per creare coloranti indaco naturali.

Il luogo di nascita del colorante dalle piante di indaco è l’India, dove la pasta colorante viene essiccata in torte per facilitare il trasporto e saldi. Durante la rivoluzione industriale, la domanda di tintura con indaco ha raggiunto il suo apice a causa della popolarità dei jeans in denim blu Levi Strauss. Poiché la produzione di colorante indaco richiede molto, e intendo MOLTE foglie, la domanda cominciò a superare l’offerta e quindi iniziò a cercare un’alternativa.

Nel 1883, Adolf von Baeyer (sì, l’aspirina) iniziò per studiare la struttura chimica dell’indaco. Nel corso della sua sperimentazione, ha scoperto che poteva replicare sinteticamente il colore e il resto è storia. Nel 1905, Baeyer ricevette il premio Nobel per la sua scoperta e i jeans blu furono salvati dall’estinzione.

Tintura di piante indaco fai-da-te - Come si tinge con le piante di indaco

Come si fa a tingere con l’indaco?

Per fare indaco, hai bisogno di foglie da una varietà di specie vegetali come indaco, guado e poligono. La tintura nelle foglie non esiste fino a quando non viene manipolata. Il prodotto chimico responsabile del colorante è chiamato indicante. L’antica pratica di estrarre l’indicativo e convertirlo in indaco comporta la fermentazione delle foglie.

Innanzitutto, una serie di serbatoi sono disposti a gradini dal più alto al più basso. Il serbatoio più alto è dove vengono posizionate le foglie fresche insieme a un enzima chiamato indimulsina, che scompone l’indicante in indoxil e glucosio. Man mano che il processo si svolge, emana anidride carbonica e il contenuto del serbatoio diventa giallo sporco.

Il primo ciclo di fermentazione dura circa 14 ore, dopodiché il liquido viene scaricato nel secondo serbatoio, un dimettersi dal primo. La miscela risultante viene agitata con palette per incorporare aria in essa, che consente alla birra di ossidare l’indoxile in indigotina. Mentre l’indigotina si deposita sul fondo del secondo serbatoio, il liquido viene sottratto. L’indigotina stabilizzata viene trasferita in un altro serbatoio, il terzo serbatoio, e riscaldata per arrestare il processo di fermentazione. Il risultato finale viene filtrato per rimuovere eventuali impurità e quindi essiccato per formare una pasta spessa.

Questo è il metodo con cui il popolo indiano ha ottenuto l’indaco per migliaia di anni. I giapponesi hanno un processo diverso che estrae l’indaco dalla pianta del poligono. L’estrazione viene quindi miscelata con polvere di calcare, cenere di liscivia, polvere di buccia di grano e sakè, ovviamente, perché cos’altro la useresti se non per fare la tintura, giusto? La miscela risultante può fermentare per circa una settimana per formare un pigmento chiamato sukumo.

Video: Tutorial INDIGO (Hennè Nero) tinta naturale per Capelli

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

cache:yes / mysql:0 / gen:0 / memory:0.39 MB